CHI E' BRUSE

image Piergiorgio Brusegan, detto il Bruse, è nato a Venezia nel 1941. Dopo studi classici si è dedicato totalmente alla sua grande passione, quella per cui dice di esser nato: la pittura. Fin da subito i suoi risultati furono straordinari, infatti il giovane artista ricevette il premio Mestre già nel 1961. Correlata alla sua grande passione per la pittura è l'altra sua grande passione: quella per i viaggi che lo hanno sempre ispirato. Il viaggio è, per il Bruse, sia avventura dell'anima che esperienza per i sensi. La sua espressione artistica è sensuale, viscerale, e tuttavia egli è e rappresenta se stesso. Sposato con Giovanna, vive con lei in una casa assolutamente unica, un vero rifugio d'artista, dove egli dipinge, disegna e condivide lo spazio vitale con una miriade di oggetti provenienti da tutto il mondo che creano una coesione tale da rappresentare al meglio lo spirito inquieto di questo carattere davvero unico.

Eccentrico, socievole, estroverso come solo un artista può essere, egli è altrettanto generoso ed altruista. Spesso lo si può incontrare nelle calli veneziane, spinto dal suo bisogno di relazionarsi con gli altri, che corrispondono il suo affetto. E' un artista che trae ispirazione dalla sua stessa vita così aome dal misterioso e poetico mondo della sua immaginazione.

La critica

imageColirista innato, possiede un'immaginazione illimitata e rappresentativa. Il suo colore è puro, violento, perfino crudo, e tuttavia egli non ignora il sottile gioco delle sfumature.... (L. Minassian)

L'Oriente è un'idea antica, che ci appartiene. Bruse la trasferisce nei suoi quadri intensi e forti come un mondo fisico ed intellettuale in espansione, con una carica potente che poi conduce a qualcos'altro..... (G. Perocco)

È una mostra molto bella, con sbalzi impetuosi e una meta favolosa, mistica e sensuale. Possiamo scoprire una fermezza pittorica lontana dall' incertezza. Un gusto quasi eccessivo per ciò che è `fantastico', tuttavia la forza intima delle immagini rimane. (P. Rizzi)

Un continente livido, allucinato e metafisico, comunque sempre riferito a paesaggi realistici. I quadri sono pieni di colori forti e decisi, nel tentativo di raggiungere la trasfigurazione e di reinventare... (E. De Martino)

 

Leggi ancora....




image
image